Passato il dì di festa, capre e cavoli

                                           

Capisco solo adesso
il nesso tra l’agnello e la verdura
in sincrasia
sopra la casapanca: un’esse sola
fa nesso e mescolanza
contenitore e stanza, delle feste
rimane l’insalata di rinforzo.
                                   
A Spaccanapoli
c’era una volta una bambina che
viveva nella strada dei pastori
un’Haidy con il nonno falegname
che la portava a Mergellina
_le sorrideva il mare
e dai presepi solo pecorelle
a farle ciao_
                              
nell’imbiancare assorto
stanno poeti ovini e cavolfiori
ad invecchiare nelle casepanche

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie da non saper che farsene, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...