Feeds:
Articoli
Commenti

Durata

Cristina Bove, da Attraversamenti verticali – Il foglio Letterario 2010
Traduzione e lettura di Anna Maria Curci

 

Durata

L’olivo dalla chioma d’argento mi somiglia
solo che esisterà ancora
quando delle mie ossa nemmeno la polvere
potrà nutrirne le radici.

E lo saprò
che il tempo di una vita
sia tralcio foglia o frullare di ali
è soltanto un momento, irripetibile.

                        

Dauer

Der Olivenbaum mit silberner Krone sieht mir ähnlich,
nur wird er noch bestehen,
wenn von meinen Knochen nicht einmal der Staub
seine Wurzeln ernähren kann.

Und das werde ich wissen,
dass die Zeit eines Lebens,
sei es Ranke, sei es Blatt, sei es Flügelschwirren,
nichts anderes ist als ein unwiederbringlicher Augenblick.

 

                                                     

Übersetzung ins Deutsche: Anna Maria Curci

allora e ancora

aprile 2011

                                                                                                                    

                                                    

                                                        

L’assetto

alba a Morena - by criBo

Fermo sulla stadera il peso morto
controbilancia un falso macroscopico
benché l’estrema copertura regga
sessantaquattro chili d’imballaggio

l’angelo veste fiori di lillà
redige l’atto notarile
certificante un esito qualunque
lo stato di prenascita o postmorte
ed in entrambi i casi
totale garanzia d’inesistenza

si resta in forse
accoccolati nelle proprie braccia
sospesi nello spazio relativo
d’una protratta pausa tra due suoni

a garanzia di persistenza
un ghirigoro di  pensiero
mentre

Precisione settoriale

aprile 2011

corsia_ospedale

paradisea - by crBo

 

Verrà un momento
che non si potrà più fingere
__bisognerà convincersi__
d’essere portatori
d’allucinazione sensoriale cronica
infusori
di memorie  apparenti.

Io parto ogni minuto nel respiro
esisto senza accorgermene
guardo le mani battere sui tasti
estranee a me
sono un’anomalia di conoscenza
oppure un sogno
ma come può il sognante essere il sogno?

Chiedi alle ombre  -dice la mia ombra-

e troverai risposta
nell’universo delle tue molecole

 

aprile 2011

 

Apoplessia della dialettica

luminosita 1 -by criBo

                                

                                   

Quando si sarà detto
tanto da non avere più cartucce
scaduto il regolare porto d’arti
il rigo assumerà quei segni fitti
come gli scarabocchi da ricette

l’assalto ai turbinati
ha odore di renette andate a male
di fieno greco e di galoppo
e la caduta da cavillo è un colpo
che prende all’improvviso alle sinapsi
oppure un fuoco
da sublimare il sangue nelle vene
_opera al bianco_ nell’atanor del cuore
che si trasmuti la parola-pietra
filosofale in oro di coppella

                               

                         

La poesia, a volte

La poesia, a volte.

la ragazza con l'ombrello - by criBo

giovedì da M.A.M.

https://miglieruolo.wordpress.com/2015/04/09/solus-ipse-di-cristina-bove/

l'isola - by criBo

                                               

ché non si può legare il mare a nodi

né si può fare un’inversione

capovolgendo il faro dentro l’acqua

ed aspettare che diventi strada

un’onda lunga

                                        

è lì che aspetta il sorgere del mondo

il dio dei fallimenti programmati

in palinsesti onirici

così che non s’accorga il capitano

di comandare una fantasmanave

senza bussola e gomene d’attracco

e che non sappia

che non esiste porto

né un orizzonte per colare a picco

                                       

scala-verso...-by-criBo

Sta quasi per accendersi la festa

si pronuncia l’antidotopoesia da bocca a bocca

respirazione e bacio  _sopra il rigo_

si versa il contenuto nei lenti fotogrammi meglio di

frasi mandate a capo

 

le affascinanti sfumature: il corpo

è una follia di numi   _una nientezza di vestito_

che brucia nell’ossigeno

 

introduciamo il mondo commestibile

per una serie di piacevolezze

chiudiamo gli occhi sulla verità  _transiti scatologici_

di questa mascherata cromosomica

che ci consegna  ad un perenne oblio.

 

Ci vuole essere tali che la chimica

convinca sensi e superfici a credere

che sia l’amore a mantenerci in vita

ma l’aria che si annida negli alveoli, ad ogni inspirazione

incendia  le apparenze e ci consuma

 

malgrado innumerevoli varianti, siamo carboni ardenti

 

LaCuspideMalva

prendi questo valzer con le labbra chiuse

Lunanuvola's Blog

Il blog di Maria G. Di Rienzo

robertacatalano

qualcosa torna sempre dal mare

margraces's Blog

Come l'onda che ci ispira, in un Mare di Grazia

Quindi, no, non va tutto bene!

Architetture dei rapporti, (l)inge(gne)rie umane, malinconiche gangbang e fistfucking emozionali. Insomma, oscene ovvietà scritte con una quarta di seno!

Riccardo Dal Ferro

autore di racconti, provocatore di storie, schiavo della narrazione, vittima dei personaggi

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

Harrison Fiat

4 dentisti su 5 raccomandano eldindondero perchè i suoi baci puliscono le gengive

La vita e' un fiore

Cristina Khay

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 467 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: