Significati parziali in partiture siderali

Non si può mai definire una cosa
per intero
perché fatta di tempo e mutamento
_bisognerebbe darle un altro nome
ad ogni istante in cui si manifesta_
nomi senza confini
scritture senza regole e grammatica
in alfabeto sacro
coreografico
linguaggio luminoso universale
che in una sinfonia di percezioni
risuonerà nel centro di chi siamo:
casse armoniche
minimizzate dal pensiero fossile
che nemmeno la scienza sa scalfire
pensiero che inciampando su se stesso
cerca rifugio nella fantasia
_fiabe e progetti, sogni e creazioni_

Ma di ciascuno
anche se appare muto
il vero sé
sa ch’è la mente il suonatore
e che il cervello
è il suo incommensurabile strumento

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...