Periferie da eludere e immanenze

Girare al largo
dalle muraglie di graffiti
_i punti oscuri della propria vita_
dalle insidiose retrovie del cuore
come dalle fascinazioni che improvvise
fanno scrittura e sanno di parole
che allappano la bocca

se mi nasco da sola in questo tempo
nel limbo d’una casa
distante da tragedie universali
_l’occhio non vede, l’anima non duole_
forse rimango piccola ed esclusa
e nelle intermittenze della luna
sparisco a quel che siamo:
isole sperse nel mare di fuliggine
sotto la cappa che una volta il cielo

noi che apprendemmo a simulare pace
ad invecchiare dignitosamente
a persuaderci che
non temiamo la morte
ma solo il nulla e la dimenticanza

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...