Antipoesia

 

Fiori
vi coltivavo. Ora non più.
Cani e gatti
vi amavo. Ora non più.
E non perché vi sono ostile
ma per un senso d’allontanamento
da tutto quanto che
vivrebbe di per sé
se non fosse costretto dentro un vaso
se non fosse viziato in un salotto.

Metto i punti
al termine di frasi
in un adeguamento interpuntivo
per tralasciare spazi inutili.

Sono uno sterpo anch’io
come quelli stanziali sul balcone
il cane senza casa né padrone
il canarino evaso dalla gabbia.

Qualcuno suggerisce depressione
profetizzando distopie
che sono già in agguato, ma
nel chiarimento che devo a me stessa
oso rivendicare la distanza
tra l’utopia della bellezza
e la bruttezza della cosa certa.
Sapete bene quale.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie da non saper che farsene, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...