Quei momenti

Quei momenti in cui ti senti una rarefazione dal profilo instabile e avverti una carezza che la sfiora appena, e non è l’aria.
Nel silenzio senti il brusio del tempo e comprendi che il silenzio non è mai totale: è pervaso di sussurri in sottofondo, respiri, minuscoli bagliori, e l’ondeggiare di una sinfonia che ti emoziona.
Potresti essere ovunque, la casa è solo un abito per tutte le stagioni, cambia ogni volta che la osservi. Gli angoli sono congiunzioni tra due schermi, contiguità di pieni e vuoti, spazi tra dentro e fuori, e tu li vedi quasi scomparire mentre la notte scende sul terrazzo.
Al mattino guardi i tuoi piedi muoversi dal letto, calcare il pavimento, dirigersi da soli alle abitudini. Il sole ti fa tana dalle tende, raccoglie i tuoi pensieri scompigliati, ti consegna alle regole del giorno.
Tu, per sentirti ancora consistente, ti prendi sottobraccio e ti conduci al tavolo e ai fornelli.
Ma sai che sei mistero oltre ogni forma, immerso nell’ignoto.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...