Fitto da poterlo tagliare

vialetto casa (foto by criBo)

                                          

Per la strada passava un silenzio
che pareva persona
quasi l’avessi davanti muta
costante come un’ombra
proiettata soltanto un po’ distante
che poteva avere braccia ovviamente  taciturne
ma danzanti nel procedere
________ sulle commessure di selci
e avanzi d’aria

lo fermai con le mani a croce
interrogai le parti sagomate di scuro
parallele al cuore
non scuoteva nemmeno la polvere
se avessi
fatto attenzione
avrei dovuto apprendere il suo dire
________ disegno sillabato in nerofumo
contenitore di mestizia

a saperlo, il silenzio
poteva essere tenuto buono
serbato per i giorni di schiamazzo
legato sui gradini di casa
perché stesse di guardia
alla parola

agosto 2011

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, riproposte e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Fitto da poterlo tagliare

  1. poetella ha detto:

    bella bella bella bellaaaaaaaaa!
    (sarà che io amo il silenzio…e lo cerco… e mi piacerebbe tenerlo legato fuori della porta, guardiano. Immagine stupenda!)

    Mi piace

  2. carmen ha detto:

    Non la ricordavo questa. O mi è sfuggita (cosa gravissima!) o non l’avevi pubblicata, oppure, se sì, in un periodo in cui non ero a casa e non avevo internet altrove. Me la sarei goduta come merita se soltanto l’avessi letta una sola volta! Anche io amo il silenzio, come poetella e come te e come chissà quante altre belle persone! Ma non quello che porta mestizia, o che pesa come il piombo, ma quello leggero che fa volare, quel bel silenzio che mentre tiene compagnia, addolcisce le ore con pensieri fantastici.
    Che sia sempre guardiano della parola, sì!
    Baci e buona domenica
    Ciao, car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Car_issima, non è importante quando la si legge, una poesia.
      è invece bello che ispiri ancora tanto, che alla lettura abbia sempre qualcosa da dire… nel silenzio.
      anche per me rappresenta uno stato in cui mi sento partecipe del mondo, benché apparentemente sola.
      e mi “addolcisce le ore con pensieri fantastici.” sì.
      buona domenica
      bbbcri

      Mi piace

  3. ludmillarte ha detto:

    quant’è bella tutta e l’immagine di silenzio sui gradini di casa che fa di guardia alla parola.
    un abbraccio Cri e buona domenica :)

    Mi piace

  4. fattorina1 ha detto:

    oh, il silenzio che sta di guardia alla parola… è un’immagine profondamente vera, così dimenticata. l nsilenzio troppo spesso si teme, invece è amicale, ha con sè voci sottili di una vita per quanto lunga sia stata o sia, puoi scegliere la forma dell’eloquio , il suo contenuto. Quando è troppo si fa vuoto: bisogna temerlo allora, si piglia tutto, anche la vita.
    Narda

    Mi piace

  5. ninaesposition ha detto:

    Bellissima!!
    Più forte d’ogni rumore, passa il silenzio per la strada, ci inonda con tutta la sua musica… come diceva Miles “la vera musica è il silenzio, tutte le note non fanno altro che incorniciarlo”
    Felice domenica, Cris!

    Mi piace

  6. tramedipensieri ha detto:

    Un silenzio che pareva persona….
    …bella, bella tutta!

    Mi piace

  7. gelsobianco ha detto:

    Se il silenzio sempre “stesse di guardia/ alla parola”… :-)

    Io amo il silenzio che, per me, è colmo.
    E’ nel silenzio la musica anche.

    “Per la strada passava un silenzio
    che pareva persona
    quasi l’avessi davanti muta”
    Resto in silenzio!

    Bella tutta, Cri, bella!

    Buone ore, amica mia.
    gb

    Mi piace

  8. sonobruno ha detto:

    Tra le fughe dei ciottoli del selciato, scivolano queste parole, fino a raggiungerti dentro. Molto suggestiva.

    Mi piace

  9. marzia ha detto:

    Davanti a questo io mi inchino…sarebbe piaciuta alla Spaziani. Brava Cristina..una genialità questo tuo poetare sul silenzio.

    Mi piace

  10. annitapozzani ha detto:

    … a saperlo, il silenzio
    poteva essere tenuto buono
    serbato per i giorni di schiamazzo
    legato sui gradini di casa
    perché stesse di guardia
    alla parola…

    Ed è amore a prima vista per questi versi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...