Dissolvenza

brindisi - by criBo

 

il soffio sul cristallo
evaso dalla bocca per
non emettere grido
ne proferisce il nome  nel bicchiere

a porte chiuse si processa il dire
non quello dei poeti
quello delle cadute a corpo libero
senza una rete a protezione
da stelle acuminate nelle mani
da pleniluni discorsivi _aperti alle maree
come un’impronta d’anima

e nella cassarmonica del cuore
se d’un amore asfittico è destino
farsi respiro intermittente _emettere
una distanza dalle labbra al cielo

la lontananza in cui s’è perso l’uomo

                          

                                 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dissolvenza

  1. fattorina1 ha detto:

    Questa vita in dissolvenza pur ci prende; senza più lusinghe e lo splolverio dei giorni dei poeti che osano il gran salto senza nidi di certezze; spalancano le ali come sapessero volare. E forse volano restando lindi sui liquami che sorvolano.
    Narda

    Mi piace

  2. carmen ha detto:

    La dissolvenza della vita? la immagino, per ora, come una dissolvenza che trapassa da un colore a un altro. Un arcobaleno di colori, ma non ad arco, lineare, verticale… E tutto il resto è niente!
    Non ho scritto un commentino alla tua bellissima poesia, perché sono in un periodo in cui non so pensare (è il mio “inverno del pensiero”). Ma volevo lasciarti un segno del mio breve passaggio da questa bella dimora virtuale, che profuma di gigli e di anime belle!
    Un bacio e un abbraccio piccolo piccolo, quasi invisibile…
    car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      infatti, Car, non cupio dissolvi, ma effetto flou che trasforma i soggetti materiali in rarefazione fantasmagorica. fino a pura luce.
      l’inverno del pensiero cederà il posto a una magnifica estate, vedrai…
      grazie dei tuoi passaggi
      baci tanti e abbraccio cosmico.
      cri

      Mi piace

  3. gelsobianco ha detto:

    “da pleniluni discorsivi _aperti alle maree”
    troppo bello! quanto mi piace questo verso!
    io ci sento speranza… quell’apertura alle maree…

    e sono certa che i poeti volano “sporcandosi, ma pulendosi insieme”…

    sono attratta intensamente dal tuo dipinto, Cri, anche.
    hai saputo mostrare la trasparenza del cristallo.
    questa tua opera illustra perfettamente questi tuoi versi
    “il soffio sul cristallo
    evaso dalla bocca per
    non emettere grido
    ne proferisce il nome nel bicchiere”
    la musica è perfetta con la poesia e l’ immagine.

    ti abbraccio, Cri cara
    gb
    qui trovo incanto! <3

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...