Ad occhi chiusi

criBo nei veli - by criBo

facciamo finta d’essere fuggiti
dalla casa dei padri _anche chi non l’ha avuto_
orfani prigionieri delle pietre e dei muschi
immotivati a trattenere immagini
nell’immanenza delle intercapedini
dove tirare il fiato

scriversi in alfabeti universali
quando l’amore ci vorrebbe _ma niente è sicuro_
e nomifoglie staccarsi dal bianco della carta
restarsene sui bordi ad oscillare
dirsi con voce d’albero il segreto
della sopravvivenza

e può accadere di scoprire un nido
di pensieri distopici _un parco giochi futuribile_
nella restante parte di un colore
che ci tinse le gote e le miserie
appesantì di veglia rimandata: il sonno venne
e fu liberazione

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Ad occhi chiusi

  1. fattorina1 ha detto:

    Come somiglia al sonno eterno questo sonno liberatorio! La poesia mette a nudo tutte le solitudini e le insicurezza degli uomini, in bilico fra lo stare e l’andarsene perchè q1ui si sta negli interstizi ed è impedita la visione del cielo.
    Solitudine, fragilità insicurezza: credo che da questa triade che connota il nostra tempo produca la violenza dei mali quotidiani ” delle brave persone”.
    Narda

    Mi piace

  2. cristina bove ha detto:

    anche se a volte è soltanto il sonno di fine giornata che si aspira…
    ma tu hai letto oltre,e allora che dire?
    solo che condivido il tuo pensiero sulla triade e tutto il resto.
    grazie
    cri

    Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    Il sonno venne e fu una liberazione…una tregua…un respiro

    Ciao Cristina
    Buon fine settimana
    .marta

    Mi piace

  4. gelsobianco ha detto:

    “e nomifoglie staccarsi dal bianco della carta
    restarsene sui bordi ad oscillare
    dirsi con voce d’albero il segreto
    della sopravvivenza”
    lasciami gustare questi tuoi versi! li trovo splendidi.
    e gli altri…
    sei bravissima!

    ti stringo, Cri cara
    gb

    sì, il sonno liberatorio arriva
    tregua di una notte o definitiva
    siamo così fragili, soli e insicuri noi uomini

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...