Tanto ci vuole a esistere

marecielo in una stanza - by criBo

nell’iconografia delle pareti, stanze
dipinte d’impazienza
_e sempre riprendiamo quel discorso_

lo spolvero a sanguigna dell’affresco
in cui diciamo che le vie di fatto
presumono assonanze e linee d’ombra
ed io non so condurmi oltre i colori
a volte
ritraggo voci e gesti di conforto
in quella stessa luce rarefatta

riprendo lontananze e sensazioni
dissimulando smarrimento d’arte
_e sempre discorriamo d’altre cose_

nel tempo limitato degli sguardi
nello spazio di cose sottaciute
l’angelo che ci assiste se ne va
toccato e arreso
ci lascia sopraffatti dalla vita
spenti alla luna, accesi in altri mondi
ciascuno nella propria solitudine

in parallelo (o in perpendicolare?)
sagome scansionate dal destino
_sempre discorreremo d’altre cose_

                             

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Tanto ci vuole a esistere

  1. ludmillarte ha detto:

    mah…credo in parallelo, chissà.
    dolce fine settimana :)

    Mi piace

  2. tramedipensieri ha detto:

    l’angelo che ci assiste non s’arrende: s’allontana per lasciare che ci si rifletta da soli
    e imparare
    forse

    buona serata Cristina
    .marta

    Mi piace

  3. poetella ha detto:

    cri…non leggo i commenti.
    Ti dico solo: questi versi sono straordinari. Ecco.

    Mi piace

  4. gelsobianco ha detto:

    in perpendicolare, forse.
    io spero così, in un “incontro”.
    sentendo queste note, non posso sentire diversamente.
    io spero.

    “riprendo lontananze e sensazioni
    dissimulando smarrimento d’arte”
    questi tuoi versi sono davvero incredibili.
    …e non solo questi.

    la tua poesia è rara.

    i colori del tuo dipinto, Cri!:-)

    ti abbraccio
    gb

    Mi piace

  5. carmen ha detto:

    Ci si può incontrare solo in parallelo, ognuno con la propria identità, ma con una vicinanza tanto stretta da potersi dire incontro.
    Questo è l’unico incontro possibile, credo!
    bbb.car

    Mi piace

  6. carmen ha detto:

    Tempo fa ho trovato sulla pag fb di un comune amico (Gg.A.) questa frase:
    “Due linee parallele s’incontrano all’infinito – e ci credono” (Stanislaw Lec).
    E l’ho coommentata così:
    Anch’io ci credo, nella geometria non euclidea può accadere.
    Può anche accadere che l’incontro si verifichi in un solo punto e le linee continuino ad essere parallele all’infinito…

    ciao, questo era un PS al commentino precedente.
    car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      in effetti, Car, si può procedere affiancati così strettamente in una traiettoria comune, verso l’infinito.
      e poi, come ormai anche la fisica quantistica ha potuto sperimentare, e come tu stessa hai bene evidenziato, nella geometria non euclidea tutto può accadere.
      un grande abbraccio e grazie!
      cri

      Mi piace

  7. Ecco, hai detto tutto, sei la mia luce, la più bella sensazione che ho avuto vedendoti… AMORE: T. V. B.

    Liked by 1 persona

  8. Maria Grazia Di Biagio ha detto:

    Leggerti, cara Cristina, è sempre un riscoprirsi.
    Grazie

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...