Capo Nord

Appostata sui fiordi era la casa
d’angolo piatto a picco
rinchiudeva le voci che passarono
loro malgrado in quelle stanze dure
si videro i superstiti
assecondare le correnti e il dire
ai balconi rivolti a tramontana

resta serena la signora d’acqua
ferma al timone
e per antiche rotte
in iperboree lande navigare
diretta alle regioni iperuraniche
oltre il filo dei cieli

in una mano alzata sulla testa
stringe la pietra delle circostanze
in formula e pozione
una magia da punti cardinali.
Nell’altra mano un fiore d’amaranto
per scrivere di stelo
qualora fosse il caso
in lettere di sabbia un nome d’onda

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...