A pensare d’inverno

Assorta come sono a decifrare
indizi dal sapore d’orzo
il blu del fumo attorcigliato al viso
ti sparpaglio parole che non senti
e tu non timbri
quadrati o quarti d’ora a caso
passati su tamponi senza inchiostro.

Dici che ti sta stretta
questa casa che forse sarà l’ultima
agli odori d’agosto
saperti altrove a rovistare giorni
scenderti scale
dalla fronte ai piedi
le stagioni impassibili nascoste dagli occhiali

hai messo gli schedari d’una vita
sul tavolo da pranzo
ne spolveri i contorni.

Ricordo feste con i nostri figli.

Mi sfiora per un attimo l’idea
di prenderti per mano
accompagnarti dove
dove finisce
dove
ma tu lo sai
e io lo so
che pure se saltassimo abbracciati…
non li potremmo liberare mai
dai nostri errori
né dalle conseguenze del passato.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a A pensare d’inverno

  1. marzia ha detto:

    Le metafore di un freddo ufficio sono appropriate come poche altre a rendere l’ idea di una relazione umana che ha raggiunto il suo capolinea.
    Che determina magari rimpianti, ma non rimorsi.
    Fare i resoconti e redigerli, poi, è tutt’altro che facile.
    Un abbraccio

    "Mi piace"

  2. cristina bove ha detto:

    grazie, Marzia
    è tutto difficile, più che mai un consuntivo!
    ti abbraccio

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...